Honduras-“Creiamo progetti di vita e allo Stato non frega niente”

Honduras
Creiamo progetti di vita e allo Stato non frega niente”

Popolazione garifuna denuncia minacce e attacchi
Tegucigalpa, 17 agosto (LINyM) .
Il popolo garifuna è sotto attacco in Honduras. Progetti estrattivi, energetici, agroesportatori, turistici e petroliferi, associati alla presenza della criminalità organizzata e del traffico di stupefacenti e all’inoperanza e complicità dello Stato, stanno mettendo seriamente in pericolo la sopravvivenza e il futuro di decine di comunità che resistono e lottano contra la minaccia d’espulsione e un nuovo esilio (dopo quello subito nel 1797 dall’isola di San Vicente/Antille Minori).
Nel 1997, al popolo garifuna è stata riconosciuta la proprietà comune dei 980 ettari del territorio di Vallecito, dipartimento di Colón (nord dell’Honduras). L’anno successivo, il latifondista Miguel Facussé Barjum ha invaso parte di queste terre per piantare palma africana.

Una sentenza della Corte suprema di giustizia l’ha obbligato a rinunciare alle sue pretese sulle terre garifuna. Pochi mesi dopo, persone legate al crimine organizzato hanno occupato quasi l’80% del territorio di Vallecito e hanno costruito una pista d’atterraggio clandestina per il traffico di droga.

Nel 2013 le terre sono finalmente tornate in mano alla comunità garifuna di Vallecito, legata alla Ofraneh (Organizzazione fraternale nera honduregna). Nonostante le minacce, gli attacchi fisici e psicologici, i ripetuti sabotaggi e l’assedio permanente, le famiglie hanno deciso di esercitare il loro diritto alla proprietà collettiva, avviando progetti di sovranità alimentare che si propongono di garantire il futuro di migliaia di famiglie.

Gli attacchi però non sono mai cessati. La comunità di Vallecito e la dirigente garifuna Miriam Miranda – entrambi godono di misure cautelari disposte dalla Commissione interamericana dei diritti umani, rimaste incompiute da parte dello Stato honduregno – vivono sotto la costante minaccia di nueve e potenzialmente fatali aggressioni.

Perfino le misure di vigilanza a carico della polizia, che hanno funzionato durante il 2014 e 2015, sono state inspiegabilmente soppresse.

“Negli ultimi mesi si è intensificata la presenza di persone armate. Rompono il recinto che abbiamo costruito ed entrano con macchine e moto. La comunità è molto preoccupata”, ha detto Miranda alla LINyM

Continua a leggere

Honduras. Attacchi mortali contro la comunità Lgbti

Honduras.
Attacchi mortali contro la comunità Lgbti
Un massacro silenzioso e silenziato

Tegucigalpa, (Rel-UITA | LINyM)
La comunità Lgbti è di nuovo in lutto in Honduras, dove l’impunità regna sovrana e la giustizia muore giorno dopo giorno. Tre omicidi in cinque giorni di donne trans hanno portato a più di 320 il numero delle vittime durante l’ultimo decennio.

Mercoledì 3 luglio, a Yoro, hanno sparato a Antonia Láinez uccidendola sul colpo. Poche ancora le informazioni sull’agguato. Tre giorni dopo, a Puerto Cortés, la presentatrice televisiva e attivista Lgbti Santi (Santiago) Carvajal è stata raggiunta da vari colpi di pistola che l’hanno uccisa. Il 7 luglio, a Comayagüela, sconosciuti hanno scaricato le proprie armi contro l’attivista trans Bessy Ferrera, ferendo gravemente un’altra persona che era con lei.

Secondo i dati dell’Osservatorio sulle morti violente di persone Lgbti della Rete Cattrachas, si avvicina oramai a 330 il numero di persone assassinate dopo il colpo di stato del 2009. Il 96 per cento di questi crimini è rimasto impunito.

L’Iniziativa mesoamericana delle donne che difendono i diritti umani (IM-Defensoras) ha avvertito che fare parte o difendere i diritti della comunità Lgbti in Honduras “espone le persone a gravi rischi e alla precarietà, situazione questa che ha a che fare sia con l’impianto normativo etero-patriarcale che esiste nel paese, sia con l’omissione da parte dello Stato quando si tratta di garantire protezione e accesso ai diritti fondamentali”.

Continua a leggere

Honduras: 10 anni dopo il colpo di stato

Honduras: 10 anni dopo il colpo di stato
Tra incubi e resistenza popolare
Tegucigalpa, 28 giugno (Rel-UITA | LINyM)

Alle prime luci dell’alba del 28 giugno 2009, l’Honduras si svegliò con la speranza di poter esercitare il legittimo diritto di decidere del proprio futuro, qualcosa che né l’oligarchia nazionale, né i militari, collusi entrambi con i settori più conservatori e recalcitranti della politica statunitense, avrebbero mai permesso.

Il presidente Manuel Zelaya aveva “osato” organizzare una consultazione non vincolante, per dare alla popolazione la possibilità di esprimersi sull’opportunità o meno di inserire una quarta scheda (cuarta urna) durante le elezioni di novembre, in cui chiedere il parere sulla possibilità di promuovere riforme costituzionali.

Ciò fu sufficiente a far sì che, all’alba del 28 giugno, un commando militare assaltasse la sua casa, lo sequestrasse e, dopo una breve sosta nella base militare statunitense di Palmerola (Soto Cano), lo montasse ancora in pigiama su un aereo e lo deportasse in Costa Rica .

La rottura dell’ordine costituzionale non fu solo l’inizio di una profonda crisi istituzionale non ancora superata, ma anche di una restaurazione conservatrice che rese più aggressive le politiche neoliberali, promosse il saccheggio di terre e beni comuni, facilitò l’annichilimento di qualsiasi alleanza internazionale con governi e forze progressiste del continente e, non ultimo, intensificò gli attacchi e la repressione contro il movimento sociale, popolare e sindacale.

Il decennio perduto

L’Honduras divenne un laboratorio per i futuri “colpi di stato istituzionali” e tornò a essere testa di ponte degli Stati Uniti e dei suoi interessi geopolitici e militari nella regione centroamericana.

Il processo di militarizzazione del territorio e della sicurezza pubblica, promosso dai governi eredi del colpo di stato, va di pari passo con il controllo assoluto dei poteri dello stato, la repressione e la criminalizzazione della protesta.

Continua a leggere

Honduras-Violenza strutturale contro le donne

Honduras –Violenza strutturale contro le donne

Ogni 18 ore una donna muore in modo violento
Nuovo rapporto mostra assenza delle istituzioni

Tegucigalpa, 28 maggio (Rel-UITA | LINyM) -.

“Tutte le morti violente e gli infiniti casi di violenza sessuale, violenza domestica e intrafamigliare che le donne honduregne sono costrette a subire hanno cause sociali e strutturali, in quanto lo Stato non fa quasi nulla per garantire loro il diritto a una vita senza violenza”, conclude il rapporto “Violenza contro le donne 2017-2018” del Centro dei diritti delle donne, Cdm.

Malgrado l’approvazione di meccanismi e di strumenti normativi a tutela dei diritti delle donne, tra cui la creazione di procure speciali, le donne non usufruiscono di un’istituzionalità funzionale ed efficace che le difenda e le protegga, spiega il Cdm.

L’inerzia delle autorità e la mancanza di misure di protezione a favore delle donne creano impunità. Per questa ragione la stragrande maggioranza degli uomini che stuprano, uccidono, sequestrano e commettono altri delitti contro le donne non vengono puniti.

La militarizzazione dei territori e della pubblica sicurezza contribuiscono ulteriormente ad acutizzare la repressione contro la popolazione, in particolare contro le donne.

Femminicidi in aumento

Il rapporto del Cdm segnala che l’Honduras continua a essere uno dei paesi latinoamericani con il più alto tasso di femminicidi. Ogni 18 ore una donna muore in modo violento. El Salvador, Honduras e il Guatemala sono i paesi con il più alto tasso di morti violente di donne in America Centrale.

Negli ultimi diciotto anni, 6.256 donne sono state assassinate in Honduras, il 76% (4.742) dopo il colpo di Stato del 2009. Una media quindi di 474 donne assassinate all’anno e più del 90% di casi che restano impuniti.

Secondo l’Osservatorio dei diritti delle donne del Cdm, in base a dati pubblicati dalla polizia, da medicina legale e dall’Istituto universitario democrazia pace e sicurezza (Iudpas) dell’Università nazionale autonoma dell’Honduras, negli anni 2017 e 2018 sono state assassinate rispettivamente 388 e 380 donne.
Quasi il 50% aveva un’età inferiore ai 30 anni e il 56% è stato assassinato con armi da fuoco. Un dato questo che indica non solo presenza, ma anche aumento dei casi di accanimento e misoginia.

Il Centro dei diritti delle donne segnala inoltre la tendenza da parte delle istituzioni a non riportare i femminicidi secondo quanto dispone il codice penale, preferendo invece catalogarli come omicidi. Secondo i dati ufficiali della Procura, nel 2017 ci sarebbero stati 10 femminicidi e solamente 2 nel 2018.

Le morti non diminuiscono

Nonostate si osservi una diminuzioni delle morti (526) a partire del 2014, il Cdm spiega che questa tendenza potrebbe dipendere da una progressiva limitazione dell’accesso alle informazioni pubbliche durante i due governi di Juan Orlando Hernández (dal 2014 a oggi).
“Hanno approvato la legge sul segreto d’ufficio [1], hanno modificato i protocolli per accedere alle informazioni pubbliche e hanno creato il sistema statistico della polizia in linea (Sepol). Inoltre, nel 2014 hanno proibito per oltre un anno la diffusioni di dati ufficiali sugli omicidi. Quando nel 2015 hanno finalmente pubblicato i nuovi dati, la tassa degli omicidi in Honduras era improvvisamente  (e magicamente ndr) diminuita”, rileva il rapporto.
L’organizzazione schierata in difesa dei diritti delle donne e contro ogni tipo di violenza di genere assicura che non esiste una diminuzione significativa dei dati sugli omicidi delle donne.

Continua a leggere

Honduras-Alzare la voce contro la mancanza di uguaglianza, la discriminazione e l’impunità

Honduras-Alzare la voce contro la mancanza di uguaglianza, la discriminazione e l’impunità
La difficile situazione della comunità LGBTI in Honduras
Tegucigalpa, 20 maggio (Rel-UITA | LINyM) -.
Il 17 maggio, giornata mondiale contro l’omofobia, la bifobia e la transfobia, migliaia di honduregni e honduregne sono scesi in piazza per esigere alle istituzioni e alla società in generale il rispetto dei loro diritti fondamentali e per condannare lo stigma e la discriminazione.

Il colpo di stato del 2009 ha segnato l’inizio di una vera offensiva contro la comunità Lgbti.
Secondo i dati raccolti da varie organizzazioni, negli ultimi 10 anni in Honduras sono stati commessi almeno 313 omicidi riconducibili alla persecuzione in base all’orientamento sessuale.
L’azione penale ha portato a 67 arresti e a solo 20 condanne.
L’impunità supera quindi il 96% dei casi [1]. Infiniti i casi di persecuzione, aggresione e bullying.

Il 17 maggio, la comunità Lgbti ha denunciato di essere vittima di violenza strutturale e ha condannato la totale assenza dello Stato.

“Il quadro normativo vigente non permette ancora ai cittadini Lgbti di godere pienamente dei diritti fondamentali. Non esistono ancora politiche pubbliche che garantiscano l’accesso all’istruzione, alla salute e al lavoro a parità di trattamento”, ha detto José Zambrano, membro della Apuvimeh [2].

Per ciò che riguarda l’Hiv|Aids, la situazione in Honduras rimane allarmante. Stigmatizzazione e discriminazione la fanno ancora da padroni.

Continua a leggere

Honduras-Ancora una volta si è scatenata la bestia

Honduras: Ancora una volta si è scatenata la bestia
I ‘gorilla’ reprimono la protesta contro la privatizzazione della sanità e l’istruzione.
Arresti e feriti nella capitale e in altre città

Tegucigalpa, 2 maggio (LINyM)

Ancora una volta in Honduras si è scatenata la bestia. L’abbiamo visto tante volte negli ultimi dieci anni, dopo il colpo di stato e la rottura dell’ordine costituzionale e democratico.

L’abbiamo visto mentre massacrano i contadini nel Bajo Aguán, mentre attaccano e uccidono le popolazioni indigene e nere, mentre reprimono gli studenti e gli insegnanti, mentre criminalizzano la diversità sessuale.

L’abbiamo visto mentre le mani assassine, armate dal grande capitale colluso con la politica corrotta, ammazzavano Berta senza pietà.

L’abbiamo visto durante l’inesorabile offensiva estrattivista che criminalizza, mette sotto processo e reprime fisicamente la protesta sociale e popolare.

L’abbiamo visto sul volto di ogni donna vittima di violenza e femminicidio, sul volto di famiglie intere in fuga dalla violenza, la povertà e la mancanza di opportunità.

L’abbiamo visto negli occhi di lavoratori e lavoratrici sfruttate, di bambini, bambine e giovani oltraggiati, nello sguardo indomito di difensori della terra e dei beni comuni, assediati, traditi, assassinati.

Continua a leggere

Honduras – Le rivoluzioni di Berta

Le rivoluzioni di Berta

Un libro sul Copinh, su Berta e sull’esigenza di giustizia

(A  breve in italiano)

La Esperanza (21 marzo) 

Il terzo anniversario della siembra di Berta Cáceres e il Centro di incontri e amicizia “Utopia” del Copinh sono stati lo scenario ideale per la presentazione in Honduras del libro “Las Revoluciones de Berta”. La Rel ha intervistato in esclusiva l’autrice Claudia Korol, attivista femminista, scrittrice e amica di Berta.

– Come nasce l’idea di questo libro?

– È una cosa di cui avevo parlato con Berta. Avevamo deciso di raccontare la storia del Copinh [1] attraverso i suoi occhi, il suo vissuto, affinché non fosse solamente un dialogo o un’intervista; lei è stata una delle menti politiche più fervide e multidimensionali del continente latinoamericano.

Avevamo registrato delle cose, le avevamo messe per iscritto, corrette, però i tempi si stavano allungando. Berta era sempre impegnata in mille cose, mille attività, era sempre ‘en revolución’.

Dopo il suo omicidio mi è costato molto capire in che modo si potesse portare avanti il progetto. Inoltre non era facile per me rivedere le cose che avevamo scritto insieme, ascoltare la sua voce nelle registrazioni.

Per un po’ di tempo non sono riuscita ad andare avanti, poi un giorno mi è venuta l’idea che Bertita e Laurita, le figlie di Berta, potevano partecipare al libro raccontando quanto stava accadendo nel processo (contro gli imputati dell’omicidio ndr) e descrivendo gli ostacoli incontrati per ottenere giustizia.

Era anche un momento molto difficile. Gli attacchi per screditare la figura di Berta e quella del Copinh erano sempre più frequenti e aggressivi. Attraverso campagne mediatiche e menzogne costruite ad arte volevano distruggerne il ricordo, scavare un solco sempre più profondo tra lei, la sua gente, i movimenti sociali e popolari, i popoli del mondo. In quel momento capimmo che eravamo andati oltre l’obiettivo iniziale del libro e che era giunto il momento di pubblicarlo. Non si trattava più solamente di mettere a fuoco il suo pensiero politico, ma anche di far conoscere chi fosse Berta: una donna libera, rivoluzionaria e, per molte di noi, una carissima amica.

Continua a leggere

Honduras La ‘siembra’ di Berta continua a generare semi di libertà

La ‘siembra’ di Berta continua a generare semi di libertà

Tre anni dopo il suo assassinio, Berta Cáceres vive nelle lotte emancipatorie dei popoli

Di Giorgio Trucchi | Rel-UITA
Sono passati tre anni da quella dolorosa notte in cui un commando omicida ci ha portato via Berta.

Sono passati tre anni e il mondo continua a chiedere, a esigere giustizia e la cattura dei mandanti dell’omicidio.

Sono passati tre anni e Berta, il suo lascito, il suo pensiero politico, la sua integrità e coerenza, la sua visione sull’importanza di ampliare la lotta anti-patriarcale, antirazzista, anticapitalista e antimperialista continua a ispirare nuove e vecchie generazioni.

Ci spinge a perdere la paura, a camminare con la gente, a difendere i territori, a contrastare un modello predatorio che saccheggia i beni comuni e criminalizza, processa e assassina chi li difende.

Lo scorso 3 marzo, dopo una lunga giornata di convivenza e incontro per approfondire il pensiero e la lotta di Berta, delegati dei popoli dell’Honduras, membri di organizzazioni sociali e popolari, studenti, amici, alleati nazionali e internazionali del Consiglio civico delle organizzazioni popolari e indigene dell’Honduras (Copinh), hanno camminato per le strade di La Esperanza, urlando all’unisono “Berta vive, la lucha sigue”.

Qui sotto foto, video e voci di e su queste giornate.

Gallerie di foto:

La siembra de Berta sigue generando semillas de libertad

Berta está en cada lucha acompañando a los pueblos del mundo

Video:

A tres años de la siembra de Berta

Radio Cooperativa di Padova (ascolta la trasmissione da Tegucigalpa)

A tre anni dall’omicidio di Berta Cáceres

©  di Giorgio Trucchi – Lista Informativa Nicaragua y Más (LINyM)

 

 

Honduras ‘Decertificando’ Fyffes / Sumitomo

Honduras
‘Decertificando’ Fyffes / Sumitomo
A seguito di un’indagine di campo che ha confermato la violazione sistematica dei diritti del lavoro e sindacali, Fair Trade USA ha deciso di revocare formalmente la certificazione di  commercio equo e solidale a Sur Agrícola de Honduras (Suragroh), filiale ‘melonera’ di Fyffes / Sumitomo

Choluteca, 21 dicembre (Rel-UITA | LINyM)  

Secondo un comunicato diffuso da Fair Trade USA, durante l’indagine di campo sono state rilevate “violazioni critiche di numerosi standard del commercio equo e solidale”, che principalmente hanno a che fare con salari e prestazioni sociali, salute e sicurezza sul lavoro, libertà di organizzazione sindacale e d’associazione.

“Non c’è, e non ci sarà, nessun frutto di Suragroh venduto con il marchio Fair Trade Certified ™”, dice il comunicato dell’organizzazione globale del commercio equo e solidale.
La revoca della possibilità di vendere i meloni prodotti nel sud dell’Honduras con il marchio di certificazione internazione di commercio equo è solo l’ultima di una serie di sanzioni imposte alla multinazionale irlandese, recentemente acquisita dal gigante giapponese Sumitomo.

Per le ripetute accuse di violazione dei diritti del lavoro e sindacali nelle piantagioni di meloni e ananas dell’Honduras e del Costa Rica, in maggio 2017 Fyffes è stata sospesa come membro dell’Iniziativa del Commercio Etico (ETI, nella sua sigla inglese).

Nel caso dell’Honduras, Fyffes/Sumitomo continua a non volere riconoscere la legittimità della rappresentanza del Sindacato dei lavoratori dell’agroindustria (Stas) ed è stata più volte segnalata per i continui casi di vessazione e persecuzione nei confronti degli iscritti al sindacato.

Giornate di lavoro interminabili, il mancato pagamento del salario minimo, degli straordinari, degli scatti d’anzianità e dei contributi previdenziali, la mancanza di sicurezza sul lavoro e la creazione di “liste nere” sono altre delle tante e drammatiche violazioni che sono state denunciate a livello nazionale e internazionale.

Le filiali di Fyffes in Honduras[1] sono state segnalate anche all’interno della denuncia presentata nel 2016 dai sindacati honduregni e dall’AFL-CIO [2] all’Ufficio per gli affari del commercio e il lavoro (OTLA, per il suo acronimo in inglese) del Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti, evidenziando le violazioni al capitolo sul lavoro del DR-CAFTA (per il suo acronimo in inglese) [3].

Continua a leggere

A Milano: Martedì 15 gennaio 2019 “Despertemos humanidad Ya no hay tiempo”

Berta Cáceres, ambientalista, femminista, rivoluzionaria honduregna è stata assassinata nella notte tra il 2 e il 3 marzo 2016 per essersi opposta alla costruzione di una diga sul fiume Gualcarque, ad opera della compagnia DESA.

“Sette degli otto imputati per l’omicidio di Berta Cáceres e per il tentato omicidio dell’ambientalista messicano Gustavo Castro, unico testimone del delitto, sono stati condannati lo scorso 29 novembre. Sia la famiglia che il Copinh, organizzazione della quale la Cáceres era coordinatrice, sostengono che la sentenza non soddisfa la loro esigenza di giustizia.
Dopo la presentazione di motivi, la prima sezione penale del Tribunale di Tegucigalpa ha riconosciuto Sergio Rodríguez, Douglas Bustillo, Mariano Díaz, Elvin Rápalo, Oscar Torres, Edison Duarte ed Henry Hernandez colpevoli dell’omicidio della dirigente indigena.

Rápalo, Torres, Duarte ed Hernández, autori materiali del crimine, sono anche stati condannati per il tentato omicidio di Castro. Emerson Duarte è stato invece assolto da tutte le imputazioni e liberato.
Ai sette è stata confermata la carcerazione preventiva, in attesa che il 10 gennaio i giudici comunichino l’entità delle condanne.”
Dall’intervista a Bertha Zúniga, rilasciata a Giorgio Trucchi
Mentre si sta svolgendo un processo farsa, in Honduras continua la lotta di Berta. Il Copinh, oggi guidato da Bertita, la figlia di Berta, continua a difendere il diritto all’autoderminazione del popolo Lenca e dei popoli originari, il diritto a vivere nelle proprie terre, il diritto al rispetto dell’ambiente.

Comitato Berta Vive Milano

Despertemos humanidad
Ya no hay tiempo

“Uniamoci e continuiamo con speranza a difendere, e avendo cura del sangue della Terra e dei suoi spiriti…”
Berta Cáceres, discorso di ringraziamento per il Premio per l’Ambiente Goldman 2015